Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Gli Ambasciatori

Il Rappresentante permanente, Ambasciatore Vincenzo Celeste

Nato a Napoli il 6 settembre 1962, si è laureato in Giurisprudenza all’Università di Napoli Federico II il 9 luglio 1987 ed è entrato in carriera diplomatica il 13 febbraio 1989.

Dal 14 novembre 1989 ha prestato servizio presso la Direzione Generale dell’Emigrazione e degli Affari Sociali Ufficio per gli Italiani nelle Americhe e in Oceania e, successivamente, presso la Segreteria della stessa Direzione.

Il 3 maggio 1993 è stato nominato Secondo Segretario all’Ambasciata d’Italia a Damasco.

Dal 21 luglio 1997 ha ricoperto l’incarico prima di Primo Segretario e successivamente di Consigliere presso l’Ambasciata d’Italia a Sofia.

Al rientro a Roma, nel dicembre 2000, è stato assegnato alla Direzione Generale per gli Affari Politici Multilaterali e i Diritti Umani presso l’Ufficio per il Disarmo e dal 3 settembre 2002 alla Segreteria Generale, Unità di Coordinamento.

Nominato Consigliere d’Ambasciata il 2 luglio 2004, dal 19 settembre 2005 ha prestato servizio a Bruxelles, alla Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’UE, in qualità di Primo Consigliere.

Rientrato nuovamente a Roma nel 2010, ha prestato servizio fuori ruolo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri con funzioni di Coordinatore della Struttura di Missione per le Procedure di infrazione al diritto comunitario.

Ministro Plenipotenziario dal 2 gennaio 2011, è stato nominato Consigliere Diplomatico del Ministro per gli Affari Europei alla fine dello stesso anno.

Dal 27 giugno 2013 è stato Vice Capo Missione presso l’Ambasciata a Londra e dal 10 luglio 2018 Vice Capo di Gabinetto del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Il 31 agosto del 2019 è stato nominato Direttore Generale per l’Europa e la Politica commerciale internazionale.

Il 17 aprile 2023 ha assunto l’incarico di Rappresentante Permanente d’Italia presso l’Unione Europea.

Insignito dell’onorificenza di: Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana, 2021


Il Rappresentante permanente aggiunto, Ambasciatore Stefano Verrecchia 

Nato a Roma nel settembre 1967, si laurea in Economia presso l’Università La Sapienza di Roma, consegue un dottorato di Ricerca in Diritto Internazionale presso l’Università Tor Vergata di Roma ed entra in carriera diplomatica nel 1996.

Il suo primo incarico alla Farnesina è presso la Direzione generale degli affari politici, dove segue in particolare i rapporti con i Paesi dell’Europa occidentale e dell’America settentrionale. Nel 1998 passa alla segreteria della Direzione generale degli affari politici e nel 1999 assume la funzione di vice capo segreteria del Sottosegretario di Stato agli Esteri.

Dal 2001 al 2004 è Primo Segretario all’Ambasciata a Berlino con le funzioni di Capo dell’Ufficio Stampa. Nel corso della missione, presta servizio per un anno come funzionario “Austauschbeamter” nella Direzione integrazione europea del Ministero degli affari esteri tedesco, nell’ambito di un programma di collaborazione e scambio.

Dal 2004 al 2006 è Primo Segretario all’Ambasciata d’Italia a Mosca. Dal 2006 al 2008 è Console Generale a Mosca.

Rientrato a Roma nel 2008, è nominato capo dell’Ufficio per le Politiche per la valorizzazione degli italiani all’estero della Direzione generale degli Italiani all’estero e politiche migratorie. Nel 2010 è alle dirette dipendenze del Direttore Generale per gli Italiani all’estero e le Politiche Migratorie, con l’incarico di attendere alle attività della Segreteria del Consiglio Generale degli Italiani all’estero.

Nel 2013 è Vice Capo del Servizio Stampa e la Comunicazione istituzionale. Dal luglio 2014 al dicembre 2016 assicura la reggenza del Servizio.

Dal 16 gennaio 2017 è Capo dell’Unità di Crisi della Farnesina.

Il 19 ottobre 2021 è nominato Rappresentante permanente aggiunto e Ambasciatore  alla Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione europea.


Il Rappresentante presso il COPS, Ambasciatore Andrea Orizio

Nato a Brescia il 25 gennaio 1967, laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano nel 1991, ha conseguito corsi di specializzazione post-Laurea/Master in carriere internazionali all’ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) di Milano ed alla SIOI (Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale) di Roma e dal 1992 è entrato in carriera diplomatica.

Vice Capo Ufficio Africa (Affari Economici) del ,Ministero degli Esteri dal 1992 al 1993, ha prestato servizio presso l’Ufficio del Consigliere Diplomatico del Ministro della Difesa nel 1993-1994 e successivamente all’Unità per le Autorizzazioni e Controllo dei Materiali d’Armamento (UAMA) agli Esteri fino al 1995.

Dal 1995 al 2000 Primo Segretario e Capo dell’Ufficio Economico Commerciale (Vice Capo Missione 1996-1997) dell’Ambasciata d’Italia a Praga, diviene Consigliere e Vice Capo Missione dell’Ambasciata d’Italia a Zagabria dal 2000 al 2002, periodo in cui è anche Funzionario di Contatto NATO-Croazia.

Dal 2002 al 2004 Vice Capo e dal 2004 al 2005 Capo dell’Ufficio Balcani Occidentali (DG Paesi dell’Europa) al Ministero degli Esteri, a Roma. Dal 2005 al 2008 Primo Consigliere presso la Rappresentanza Permanente d’Italia alla NATO, a Bruxelles, responsabile per Dialogo Mediterraneo, Iniziativa di Cooperazione di Istanbul, Medio Oriente, Partenariati della NATO e Balcani Occidentali, NATO-Ucraina, NATO-Georgia, allargamento (adesione di Albania e Croazia), Operazione Active Endeavour, rapporti NATO-UE, membro del Comitato Politico della NATO.

Dal 2008 al 2013, Ministro-Consigliere e Vice Capo Missione dell’Ambasciata d’Italia al Cairo. Allo scoppio della “Rivoluzione”, il 25 gennaio 2011, era Incaricato d’Affari a.i. ed ha diretto le 130 persone di Ambasciata d’Italia ed istituzioni del sistema-Italia in una situazione di speciale criticità.

Capo Anti-Terrorismo e Sfide Globali al Ministero degli Esteri (Direzione Generale Affari Politici), a Roma, dal 2013 al 2014.

Dal 2014 al 2016 è Capo Unità Balcani, InCE e IAI (Direttore Balcani) alla Direzione Generale Unione Europea del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, a Roma, nonché Coordinatore Nazionale InCE, Strategie Macro-regionali UE EUSAIR ed EUSALP, Processo dei Balcani Occidentali.

Nel 2016 è nominato Ministro Plenipotenziario. Dal 2016 al 2020, scelto dopo un processo di selezione internazionale, Ambasciatore/Capo Missione OSCE in Serbia (150 persone di 15 diverse nazionalità e 10 milioni di euro di budget annuale, con responsabilità diretta).

Dal 2020 al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale dell’Italia come responsabile per Europa Centrale e Settentrionale e Vicario del Vice Direttore Generale/Direttore Centrale per i Paesi Europei (DGUE), dal 2021 al 2023 Vicario del Vice Direttore Generale/Direttore Centrale per i Paesi Europei, Coordinatore per i Paesi EFTA ed il Regno Unito alla Direzione Generale per i Paesi Europei e la Politica Commerciale Internazionale.

Nel 2022-2023 è anche coordinatore DGUE per la candidatura di Roma EXPO2030, integrato negli “Inviati Speciali”.

Dal 6 marzo 2023 è Ambasciatore/Rappresentante presso il Comitato Politico e di Sicurezza -COPS- dell’Unione Europea a Bruxelles.

Sposato, ha due figli. Parla correntemente Francese ed Inglese, ha conoscenze di Ceco, Croato, Serbo e -di base- Arabo.

Cavaliere Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica, membro dell’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario di Sanremo.